90 atleti per il 2 stelle e 90 per lo Csi 1 stella. Ecco i numeri per il Bagnaia Jumping Show, un evento che alla quantità da sempre preferisce la qualità. Le iscrizioni per la kermesse di Murlo chiuderanno il 3 settembre ma le aspettative sono almeno pari all’attenzione che i protagonisti dello mondo del salto ostacoli riservano a questo concorso.

Piace per i tempi ragionevoli delle giornate di gara, piace per i modi, piace per l’aspetto tecnico. Insomma, è un evento che trova una perfetta collocazione nel calendario internazionale in Italia e anche quest’anno gli organizzatori stanno lavorando per una manifestazione all’altezza di tutte le aspettative.

«Bagnaia è un concorso davvero speciale – racconta Gianni Govoni - del quale ho ricordi meravigliosi. Il luogo è di una bellezza favolosa e questo non devo certo scoprirlo io, chiunque vi sia stato anche solo per poco se ne è potuto rendere conto; ma in più le caratteristiche tecniche per i cavalli sono altrettanto favolose: su tutte il terreno del campo ostacoli, cosa che per noi cavalieri è di grandissima importanza ovviamente. Io ho fatto tantissimi concorsi a Bagnaia a partire dalla metà degli anni Novanta se non ricordo male, ma quello del 2008 lo ricordo in modo particolare perché in sella a Joyau d’Opal ho vinto il Gran Premio! Una delle mie più belle vittorie».

Comment